Osteria Tripperia Il Magazzino

11653310_0206996576862424_1017655368_n

Adoro andare a mangiare fuori, chiaramente in buona compagnia. Ogni volta che io e il mio fidanzato Alfredo andiamo a pranzo o cena in qualche ristorante, ci improvvisiamo critici gastronomici! Ci piace commentare, dare dei giudizi su quello che abbiamo mangiato e bevuto, magari anche per raccontarlo ai nostri conoscenti e consigliare loro qualche bel posticino dove andare a trascorrere una serata. Ho deciso allora di inserire una nuova sezione nel blog, per iniziare a raccontarvi di alcuni posti dove mi è capitato di mangiare lasciandomi poi un bellissimo ricordo dell’occasione. Comincio con il mio recentissimo weekend trascorso a Firenze e con l’osteria Il Magazzino, di Luca Cai.

Se non fosse stato per Alfredo devo ammettere che non sarei mai andata a mangiare in una tripperia, poiché il nome già suggerisce quali pietanze vengono servite, e non sono, o meglio, non credevo di esserne una fan! Poi però ci ho ragionato, e ho realizzato che se davvero voglio lavorare nel mondo della gastronomia, per prima cosa devo conoscerne i prodotti, dunque se a Firenze sono noti per la cottura del lampredotto (uno degli stomaci della mucca), allora non potevo tornare a casa senza averlo assaggiato.

Il Magazzino si trova in Piazza della Passera, nei pressi di Ponte Vecchio. Onestamente senza seguire il suggerimento di Slow Food Planet (app per smartphone che racchiude il mondo Slow), non credo che ci saremmo capitati per caso, bisogna addentrarsi un po’ nelle vie interne, ma comunque è semplicissimo da raggiungere. Fortunatamente anche prenotando in tarda serata (di sabato) siamo riusciti a trovare un tavolo libero; in ogni caso il locale era pienissimo sia dentro che fuori, quindi suggerisco di non tentare la sorte andando lì senza prenotazione.  Noi abbiamo mangiato dentro, l’ambiente rustico e accogliente, purtroppo posizionati vicino alla Toilette, ma ci siamo accontentati dato il poco preavviso!

Chiaramente trippa e lampredotto sono le specialità de Il Magazzino e occorrerebbe almeno tentare di assaggiare uno dei numerosi piatti proposti nel menu. Tuttavia per chi proprio non ne avesse voglia o per i vegetariani, ci sono anche diverse altre proposte invitanti. Da bere abbiamo scelto un Chianti della casa, con un’etichetta personalizzata piuttosto umoristica, che richiama “Pussy Square” (Piazza della Passera); a seguire abbiamo optato per il lampredotto, e ne abbiamo davvero fatto il pieno!

11637961_0206996599702995_87849065_n

Abbiamo scelto due antipasti. Il primo, polpette di lampredotto. Che dire. Divine! All’interno così soffici da sembrare una mousse, all’esterno croccanti, con una panatura leggerissima che in qualche modo mi ricordava la tempura, anche se più dorata. Il secondo, sushi di lampredotto. Un’idea a dir poco geniale, con la classica base di riso e alga del maki, e il pesce crudo sostituito da lampredotto (ovviamente cotto).

11638051_0206996585102630_747334175_n

 

11536873_0206996586022653_912068933_n

 

Dopo l’antipasto abbiamo scelto due primi piatti: spaghetti alla chitarra con lampredotto e tortelloni ripieni di lampredotto con cipolla rossa di Tropea. Gli spaghetti erano molto buoni, ma forse dopo qualche forchettata mi avrebbero stufato, mentre secondo Alfredo erano eccezionali. Io sono stata felicissima di aver ordinato la pasta ripiena. Erano tre tortelloni così pieni di carne da scoppiare, la pasta stesa sottile, e poi il condimento alla cipolla sembrava l’abbinamento ideale, dando dolcezza al piatto.

11650520_0206996586422663_1752766504_n

 

11651018_0206996584942626_2084802227_n

 

Abbiamo concluso la serata con passito e due dolci: torta di mele e cantucci con vin santo. Purtroppo non ho le foto: talmente la foga di assaggiarli (e lo stordimento per il vino :P), che mi sono scordata di farle! I cantucci erano squisiti, spesso mi è capitato di comprarli, rivelandosi poi durissimi, questi invece erano friabili al punto giusto. La torta di mele eccezionale, con la pasta molto sottile, una delle migliori mangiate.

Tutto questo per un totale di circa 70€, prezzo onesto a mio avviso per la quantità di portate ordinate e per la qualità del cibo. Se non fosse stato per Il Magazzino, adesso sarei ancora convinta di odiare le interiora. Provatele (cucinate da chi sa farlo davvero) e molto probabilmente vi ricrederete come è successo a me!

 

Osteria Tripperia Il Magazzino
Piazza della Passera 2/3, Firenze
Tel: 055-215969
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Osteria-Tripperia-Il-magazzino/88415125746

 

Annunci

6 commenti

  1. complimenti per l’idea della nuova sezione e per la scelta e la descrizione del locale! mi è venuta l’acquolina alla bocca già durante la lettura degli antipasti 🙂 se mi capiterà di passare da Firenze, ci andrò molto volentieri.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...