Gli ingredienti del mese: Gennaio

GENNAIO

Nelle ultime settimane con l’inizio delle lezioni e il materiale accumulato da studiare, ho (ahimè) tralasciato qualche pubblicazione. Cerco di rimediare intanto portando avanti la rubrica sugli ingredienti stagionali!

Il freddo è arrivato e indubbiamente non aiuta l’orto né chi cerca di consumare cibi rispettandone la stagionalità, soprattutto al Nord Italia. Tuttavia nei campi non tutto tace come potremmo pensare, e inoltre gennaio è un mese perfetto per approfittare dei prodotti disponibili tutto l’anno come cavolfiori, carote, finocchi e rape, oltre a svuotare le dispense ricche di conserve, cibi secchi e disidratati. Senza contare poi quegli alimenti che invece danno il meglio di loro proprio con il freddo, come ad esempio le puntarelle, di cui parleremo in questa rubrica insieme a cavoli, arance rosse e broccoli.

 

  • Cavoli

In Italia abbiamo quattro varietà di cavolo: cavolo cappuccio, cavolo cinese, cavolo verza e cavolo nero. Essi sono disponibili tutto l’anno ma in inverno aiutano, come già accennato, a sopperire alla mancanza d’altro. Delle quattro varietà citate, il cavolo cinese è il meno diffuso, quello nero è consumato soprattutto in Toscana per la preparazione della tipica ribollita, mentre il cavolo cappuccio e il cavolo verza sono diffusi ovunque. In generale si tratta di un ottimo prodotto per la digestione e per rafforzare il sistema immunitario, e può essere consumato in cucina sia cotto che crudo.

  • Arance rosse

Gli agrumi provenienti dal Sud Italia sono il frutto ideale da consumare a gennaio, in particolare le famose arance rosse di Sicilia. Ne esistono tre varietà che si susseguono nella raccolta: le tarocco, le moro e le sanguinello. Le tarocco si conservano più al lungo delle altre due varietà, che invece vanno consumate a piena maturazione per non risultare troppo acide o rancide. Oltre che come frutto da mangiare da solo, l’arancia è perfetta anche nella preparazione di insalate.

  • Broccoli

Le due varietà di broccolo più conosciute sono il broccolo romanesco e il broccolo ramoso. Il primo è caratterizzato dalla presenza di tante rosette coniche, mentre il secondo da infiorescenze laterali che una volta tagliate sono chiamate broccoletti. Oltre ad essere nutrienti, i broccoli sono molto gustosi e si possono impiegare sia nella preparazione di primi piatti, sia nella realizzazione di tortini, sformati o anche torte rustiche.

  • Puntarelle

Le puntarelle sono i germogli della cicoria da cespo. Caratterizzate da croccantezza e sapore amarognolo, si mangiano solitamente crude, in particolare nel Lazio, anche se sono reperibili in tutta Italia. Un classico è la preparazione delle puntarelle alla romana con aglio e acciughe.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...